Meditazione e golf

Nel gioco del golf ci sono tanti fattori che concorrono al raggiungimento di una buona prestazione, uno di questi è la resistenza

Ore e ore a colpire una pallina con lo stesso ferro in campo pratica prima di vedere qualche risultato, spesso da soli con se stessi. Poi arriva il bel colpo, lo swing che ti fa vibrare di gioia pura, uno stato di euforia ed eccitazione che assomiglia all’innamoramento e va controllato, così come il pensiero negativo. Allenamento costante, dieta equilibrata e determinazione sono senz’altro utili, ma è necessario prendere in considerazione la stabilità mentale in campo, che si può sviluppare con la meditazione. Ci vuole pazienza e non è un esercizio adatto a tutti, ma i golfisti che praticano la meditazione con regolarità hanno riscontrato una maggior fiducia nelle proprie capacità durante la competizione. Ciò avviene perché riducendo i livelli di stress i golfisti e in generale le persone di tutte le età sono più capaci di concentrarsi per lungo tempo e hanno tempi di recupero più veloci dopo una gara e dopo un percorso 18 buche con amici. Sono in grado di sviluppare la resistenza, la tenuta mentale. Anche le emozioni sono meglio controllate se si pratica la meditazione, ed anche l’affaticamento muscolare si riduce sensibilmente.

Puntare su obiettivi fisici e nutrizionali, trascurando pratiche come la meditazione e la visualizzazione è senz’altro più semplice, come fa la maggior parte dei golfisti. Ricordiamo che il cervello è un muscolo e va allenato, e la meditazione è un esercizio che aiuta a rafforzare la mente, così come va a rafforzare e curare il corpo, costantemente in evoluzione con la pratica.

Esercizio fisico, buona alimentazione e meditazione sono le tre chiavi per raggiungere uno stato di prestazione ottimale. I risultati, nella meditazione, non sono qualcosa che si vedrà fisicamente, ma piuttosto nel modo in cui ci si sente e nella nuova capacità di controllare i pensieri e le emozioni. Avviando le sessioni di meditazione in modo costante, piano piano si comincerà a notare miglioramenti significativi nel modo in cui si affronta l’ansia, la pressione e lo stress che sono i tre principali problemi dei golfisti.

Come stimolare l’equilibrio di corpo-mente-spirito

Per il principiante la cosa più importante è trovare un po’ di tempo ogni giorno per stare rilassato e in silenzio. Inizialmente potrebbero bastare dieci minuti di meditazione sulla consapevolezza del respiro. Facendo anche solo questo esercizio in modo costante ogni giorno si può iniziare un viaggio di trasformazione e di evoluzione personale.

I componenti necessari per cambiare la vita di un golfista

Innanzitutto è necessario, come in qualsiasi altro contesto della vita, avere davvero il desiderio di cambiare e sapere cosa si vuole esattamente. Molto spesso la gente dice: “Voglio cambiare”. Ma quando le chiedi: “Cosa vuoi cambiare esattamente?” ti accorgi che non c’è un’idea chiara dietro a quella affermazione. La nostra felicità dovrebbe essere il primo criterio quando prendiamo una decisione. La domanda che dovremmo porci continuamente è: “Le azioni che compiamo nella vita quotidiana generano felicità per noi e per chi ci sta intorno?” Ogni sera, prima di dormire, dovremmo imparare a chiederci: “Cosa ho fatto oggi di buono per me? Cosa ho fatto di buono per gli altri?” Se iniziamo a rivolgere queste domande a noi stessi allora spontaneamente cominciamo a fare scelte appropriate”.

Come conciliare gli impegni della vita quotidiana con la passione per il gioco del golf

Si può iniziare imparando come meditare, provare per dieci minuti al giorno regolarmente. Poi col tempo si può passare a due volte al giorno. Una volta appena svegli, per caricarsi di energia positiva e una prima di dormire per lasciare andare tutte le energie negative accumulate durante la giornata e ritrovare la quiete. Questo serve a sviluppare uno stato di maggiore consapevolezza e presenza mentale per tutto il giorno, anche in campo e così aumenta la capacità di resistenza. Si impara a vivere con un distacco maggiore nei confronti delle cose e si acquisisce uno strumento potente per mantenere il proprio stato di equilibrio psico-fisico. Provare per credere, ci vediamo in campo!

Maria Grazia Azzaroni