Coronavirus, il Pevero Golf Club chiude fino al 3 aprile

L’annuncio della direzione dello storico club della Costa Smeralda: «Siamo certi della collaborazione dei giocatori e dei soci»

L’Italia è una zona protetta. Il decreto firmato dal Presidente del consiglio Giuseppe Conte per arginare il contagio del coronavirus parla chiaro: in tutto il territorio nazionale sono da ridurre al minimo le uscite di casa. Per questo sono vietati gli assembramenti di ogni tipo. Sono anche sospese tutte le manifestazioni sportive, mentre è ammesso lo sport praticato all’aperto senza mai prescindere però dal rispetto della distanza di un metro tra le persone. Il Pevero Golf Club, che si estende in una vasta area all’interno dei confini territoriali della Costa Smeralda, terrà comunque le sue porte chiuse fino al prossimo 3 aprile. Una scelta responsabile, quella della direzione del club, che è in linea con le motivazioni che sono alla base della battaglia contro il coronavirus. «Certi della comprensione dei nostri amici giocatori e soci, vi comunichiamo che il Pevero Golf Club resterà chiuso fino al 3 aprile a tutela della salute di tutti» ha scritto lo staff del club sulla pagina Facebook della struttura.

Il Pevero Golf Club, inaugurato nel 1972 e progettato dall’architetto Robert Trent Jones, professionista scelto dal principe Karim Aga Khan in persona, è uno dei club più prestigiosi al mondo. Oggi diretto da Marco Berio, lo storico golf club organizza numerose attività sportive nel corso dell’intero anno. Adesso la speranza, anche in Costa Smeralda, è che la collaborazione di tutti i cittadini riesca a contribuire al superamento della fase di emergenza diffusa in tutto il Paese.